I mercati asiatici si sono negoziati misti dati le discussioni cruciali sul commercio USA-Cina, e sulle decisioni della Fed

Mercoledì, i principali indici asiatici sono negoziati misti prima dell’inizio dei colloqui commerciali tra Stati Uniti e Cina e il tasso di interesse e la politica monetaria della Federal Reserve statunitense nel corso della giornata. Le azioni della Cina si sono mosse in ribasso, ma si sono riprese dopo la debolezza di inizio sessione. Le azioni in Corea del Sud e Hong Kong sono rimaste ferme durante tutta la sessione, mentre i guadagni in Giappone sono stati limitati.

Alle 06:00 GMT, l’indice cinese di Shanghai era negoziato a 2590,02, in ribasso di 4,24 o -0,16%. L’indice giapponese NIKKEI 225 era a 20568,97, in ribasso del 95,67 o -0,46%. L’indice Hang Seng di Hong Kong era a 27545,46, in rialzo di 13,78 o + 0,05% e l’indice KOSPI della Corea del Sud era a 2193,75, in rialzo di 10,39 o + 0,48%.

Decisioni della Federal Reserve negli Stati Uniti

Alle 19:00 GMT, la Federal Reserve statunitense concluderà il suo incontro di due giorni riportando la sua decisione sui tassi di interesse e la dichiarazione di politica monetaria, seguita da una conferenza stampa da parte del presidente Jerome Powell.

È ampiamente previsto che la Fed lascerà invariato il suo tasso di interesse di riferimento. Anche se le mosse della banca centrale saranno percepite come accomodanti, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell dovrebbe attenuare i suoi commenti per evitare di alimentare una risposta volatile da parte dei trader di titoli azionari.

Gli investitori si aspettano che la Fed faccia osservazioni sul bilancio, sulla pazienza e dipendenza dai dati.

Riunione commerciali tra Cina e Stati Uniti

Oltre alle notizie della Fed, che non dovrebbero essere una sorpresa, gli investitori staranno attenti agli sviluppi dei negoziati commerciali tra Stati Uniti e Cina. I trader dicono che questi incontri di due giorni avranno un impatto sui mercati data la recente volatilità legata al rallentamento economico in Cina e al suo impatto sull’economia globale.

Si prevede che gli incontri inizieranno con ottimismo dopo che il Segretario al Tesoro degli Stati Uniti Steven Mnuchin ha affermato che se la Cina presentasse concessioni commerciali sufficienti al Presidente Trump, c’è la possibilità che l’amministrazione possa revocare tutti i dazi.

“È tutto sul tavolo”, ha detto Mnuchin, martedì durante un’intervista su Fox Business Network.

Gli incontri di due giorni stanno assumendo maggiore importanza perché per raggiungere un accordo, potrebbero essere gli ultimi prima della scadenza del 1 ° marzo. Il presidente Trump e quello cinese Xi Jinping hanno dato i loro funzionari fino al primo marzo per elaborare un accordo sui “cambiamenti strutturali” al modello economico cinese. Se fallissero, Trump ha promesso di aumentare i dazi sui 200 miliardi di dollari di importazioni cinesi dal 10% al 25%.

Published by

James Hyerczyk

James A. Hyerczyk has worked as a fundamental and technical financial market analyst since 1982. His technical work features the pattern, price and time analysis techniques of W.D. Gann.